Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
giovedì 23 novembre 2017 ..:: prodotti » mangiamo equo ::.. Registrazione  Login
 Cosa vuol dire mangiare equo Riduci

 Stampa   
 Novità alimentari Riduci

libera.jpg


 Stampa   
La cioccolata  La cioccolata Riduci

 Stampa   
 Ubuntu: una cola davvero speciale Riduci

 

 


 Stampa   
Il Caffè  Il Caffè Riduci

  
Cereali e legumi  Cereali e legumi Riduci

Riso, Cous Cous, Quinoa, Amaranto, Orzo ....


 Stampa   
 Conosci il roibos? Riduci
  • Contiene molte sostanze minerali, tra cui fosforo, ferro,  manganese, calcio e floruro  che contribuiscono a mantenere sano il sistema nervoso e a rinforzare ossa e denti; 
    Funziona da antivirale;
  • Costituisce un rimedio contro i radicali liberi grazie all’elevato contenuto di in vitamina C (1,5 mg/ml);
    Non contenendo caffeina, teina o altre sostanze eccitanti, può essere consumato in ogni momento della giornata e da chiunque; aiuta chi soffre di insonnia e di emicrania con il suo effetto distensivo sul sistema nervoso centrale. Presenta proprietà antispasmodiche e calmanti e perciò viene ampiamente usato per i bambini che soffrono di coliche o come succedaneo del latte per coloro che sono allergici al latte;
    Ha un effetto calmante sulla pelle, se applicato localmente allevia le irritazioni cutanee ed aiuta a combattere eczemi, acne e macchie cutanee;
    E’ usato come pianta medicinale per i disturbi digestivi legati a problematiche dello stomaco e dell’intestino; presenta effetti depurativi a livello epatico e non irrita i reni;
    Non contiene acido ossalico e quindi può essere assunto anche da chi soffre di calcoli; 
    Ha un apporto calorico pari a zero;
     Presenta un colore ambrato, il gusto ricorda quello della nocciola; grazie al basso contenuto di tannino il suo sapore si rivela tenero, dolce anche senza aggiunta di dolcificanti, lievemente astringente, e anche se lasciato a lungo in infusione non rilascia il retrogusto amaro tipico del tannino.

 Stampa   
Lo zucchero  Lo zucchero Riduci

 Stampa   
Le spezie  Le spezie Riduci

  

 La ricetta del mese Riduci

COUS COUS CON VERDURE IN AGRODOLCE

 

1 confezione di cous cous della Palestina

zucchine, peperoni, carote, cipolle

Aceto bianco

Zucchero di canna Muscovado

Chiodi di garofano

 

Preparare il cous cous secondo le indicazioni riportate sulla confezione e lasciarlo freddare in un piatto ampio. In una pentola far soffriggere le verdure salate a fuoco vivo e, quando risultano ben rosolate, abbassare la fiamma. Aggiungere tre cucchiai di zucchero e qualche chiodo di garofano, coperchiare e far continuare la cottura a fuoco lento. Quando le verdure sono quasi pronte aggiungere l’aceto e terminare la cottura. Regolare secondo i gusti con zucchero e/o aceto. Unire cous cous e verdure direttamente nei singoli piatti al momento di servire.

 

Lo sai che …  il cous cous ha origini nord africane, era il piatto tipico dei berberi che da millenni abitano il Maghreb e che già tremila anni fa preparavano le semole utilizzando acqua o latte. L’evoluzione di queste lavorazioni, con l’introduzione della cottura a vapore, portò alla nascita del cous cous. Quello della Palestina, dove è conosciuto con il nome di maftoul (in arabo movimento rotatorio della mano) è un prodotto caratterizzato da una lavorazione completamente artigianale svolta dalle donne. E’ composto da grano integrale e frumento spezzettato boulgour (una varietà di grano duro tra le più pregiate) che viene rotolato nella farina di grano tenero e impastato con acqua e sale, fino a diventare granuloso. Viene poi essiccato al sole per 2, 3 giorni. Forte è la valenza sociale di questo piatto: si mangia solo insieme alla famiglia o a chi viene considerato parte della comunità


 Stampa   
Copyright (c) 2000-2013   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation